SEO

“Credo che una foglia d’erba non sia meno importante di tutto il percorso quotidiano degli astri.”
(W. Whitman)

Il web come un mare (d’erba). La similitudine sembra pertinente, rinvia all’idea di movimento e di estensione. Per navigare si ricorre a strumenti efficaci come i motori di ricerca.

Cos’è un motore di ricerca.

Un motore di ricerca è un sistema automatizzato che reperisce le informazioni e le organizza attraverso opportuni indici. L’architettura dei moderni motori di ricerca è in continua evoluzione per cercare di venire incontro alle richieste degli utenti, cioè contenuti sempre più diversificati, multimedialità  e interattività.

Oggi Google è il motore di ricerca per antonomasia, grazie all’innovativa idea di inserire negli algoritmi di ricerca i link tra i siti web come variabile di calcolo della rilevanza (PageRank).

Il PageRank non è l’unico algoritmo di Google, rilevanti sono:

  • Caffeine – il nuovo sistema di indicizzazione;
  • Real Time Search – consente di trovare contenuti freschi provenienti dai social network;
  • My Answers – si considera anche il grado di autorevolezza delle persone su Google+;
  • Google Instant – permette di definire meglio ciò che vogliamo trovare mentre digitiamo;
  • Google Panda – penalizza siti di dubbia utilità o di spam;
  • Penguin Update – contro il keyword stuffing e il link spamming.

 

Google analizza lo User Intent (l’intento dell’utente) che sottende una ricerca, la query (elenco delle parole da ricercare) si compone così di due parti:

  • parte esplicita – che è la vera e propria domanda
  • parte implicita – che è la parte non espressa.

 

Il motore di ricerca media tra due attori:

  • lo specialista SEO;
  • l’utente.

 

Gli utenti e i motori di ricerca interagiscono tramite le parole, il punto di contatto è la keyword.

La ricerca delle keyword è una delle parti più importanti del processo di strutturazione di una campagna SEO;

Lo specialista SEO per permettere agli utenti di ottenere un risultato pertinente alla ricerca, compie delle inferenze sul campo semantico degli utenti stessi

Cos’è un campo semantico.

“[…]Un campo semantico infatti può essere definito come l’insieme di tutti i lessemi connessi a livello sintagmatico e paradigmatico in un dato sistema linguistico, esso non è altro quindi che un sottoinsieme strutturato del lessico (Violi, 1997, p. 40).”

La lingua non è una semplice nomenclatura, gli elementi del lessico non costituiscono mai una serie irrelata, ma sono disposti in aree semantiche che reciprocamente si delimitano e tendono a fare sistema. Categorizzando diamo confini alle cose, anche a quelle che non hanno per natura confini.

Nei motori di ricerca i campi semantici sono già stati stabiliti e delineati dai siti stessi e, eventualmente, dagli specialisti SEO al momento dell’ottimizzazione.

Scelte le parole occorre inserirle in zone della pagina strategiche, successivamente si può procedere alla link building.

Per Consulenze tel: 0039 339.75.76.647 email: info@simonettatestoni.it